TechSoup Incontra. Un aperitivo con Francesca Fedeli e Alfredo Scarfone

Written by TechSoup Italia on March 24, 2017

Il nuovo format "TechSoup Incontra. Un aperitivo con...", ha proposto come secondo appuntamento un incontro a tu per tu con Francesca Fedeli, Founder dell'Associazione Fight the Stroke, e Alfredo Scarfone, Board Member di TechSoup Italia, a partire da una provocazione: "Si chiama impresa sociale, si dice start up".

Ti sei perso l'appuntamento o vuoi approfondire?

GUARDA IL VIDEO DELL'INCONTRO!

Ma si può davvero dire che un'impresa sociale e una start up hanno dei punti in comune? Una Non Profit può davvero lavorare con gli strumenti e le metodologie del Profit?

Questa domanda ha dato lo spunto a Francesca e Alfredo per raccontarci la loro personale esperienza umana e professionale, che ha condotto entrambi, per strade diverse, ad affacciarsi al mondo del Non Profit partendo da una solida formazione nel Profit.

Francesca Fedeli ha fondato l’associazione di promozione sociale Fight the stroke partendo da un bisogno personale (suo figlio Mario è stato colpito da ictus alla nascita), ma da subito ha sperimentato che comportarsi come una start up nei confronti dei finanziatori è risultata una strategia vincente: le aziende non cercano più solo un’associazione a cui fare opere di carità, ma hanno bisogno di partner con cui sviluppare idee e fare innovazione con risorse di cui non dispongono internamente.

Anche Alfredo Scarfone, una vita nell’informatica e un’esperienza ventennale alla guida di Hewslett Packard Italia, ha sottolineato come il profitto non può essere l’unico obiettivo di un’azienda: il contributo all’utilità sociale crea valore anche per il Profit, e il Terzo Settore deve trasformarsi in un’impresa sociale per creare valore da reinvestire, deve professionalizzarsi e diventare più efficiente, ma ha meno risorse. Per questo l’alleanza tra Profit e Non Profit diventa fondamentale per migliorare la società.

Quindi Profit e Non Profit hanno le stesse esigenze. Ma cosa significa questo concretamente?

Per produrre valore sociale anche un’associazione Non Profit ha bisogno di risorse, spazi, competenze che spesso non ha. In questo la tecnologia è un grande alleato – ha risposto Francesca Fedeli.

Le risorse sono poche – ha aggiunto Alfredo Scarfone – ma gli obiettivi del Non profit sono ambiziosi come quelli di un’azienda. La digital transformation offre possibilità impensabili, ma per realizzarla e sfruttarla al meglio servono competenze prima non richieste.

Gli strumenti digitali sono vitali per potenziare ciò di cui una piccola organizzazione non dispone in termini di risorse sia umane che economiche. La Riforma del Terzo Settore in questo senso deve tener conto delle risorse chiave che il Non Profit deve mettere in gioco:

-        La digitalizzazione

-        L’approccio globale

-        La capacità di essere un’impresa ibrida, sviluppando i punti di forza del Profit e del Non profit.

 

 

 

 

Licensing provided by Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 4.0 International License.