Grande successo per gli Open Days dell’Innovazione

Written by TechSoup Italia on November 21, 2017

Più di 700 persone il 6-7 novembre 2017 hanno partecipato a Milano agli Open Days dell'Innovazione, il primo evento organizzato in Italia per far incontrare il mondo dell'innovazione con quello della cooperazione allo sviluppo e del sociale. 

Due giorni alla scoperta dei "mutanti dello sviluppo", tra operatori di ong, makers e grandi aziende IT. C'eri anche tu? Cercati nel video dell'evento e condividilo con il tuo network!

Gli Open Days dell'Innovazione sono stati organizzati da Innovazione per lo sviluppo insieme a TechSoup Italia con il supporto di Fondazione CariploCompagnia di San Paolo e FONDAZIONE CRT.

Gli Open Days sono stati una vera e propria maratona di interventi e worskhop con ospiti nazionali e internazionali per raccontare storie di innovazione dal mondo e suggerire e condividere strumenti e nuovi modelli per la trasformazione digitale del Non Profit attraverso l’utilizzo di tecnologie all'avanguardia a basso costo.

Tra gli speaker internazionali di rilievo Roshan Paul, fondatore di Amani Institute, grande esperto di innovazione sociale e di modelli di business che includano l’impatto sociale in imprese sostenibili, e Rebecca Masisak, CEO di TechSoup Global Network, il primo network globale per la donazione di tecnologia e la promozione dello sviluppo digitale del Non profit.

6 novembre – “Innovazione per lo sviluppo”

A tema nella sessione plenaria della prima giornata il progetto “Innovazione per lo sviluppo”, che ha permesso di approfondire il rapporto tra la cooperazione internazionale e le frontiere dell’innovazione sociale, tecnologica e digitale.

Protagonisti della discussione Sergio Urbani (Direttore Generale Fondazione Cariplo), Massimo Lapucci (Segretario Generale Fondazione CRT, Presidente European Foundation Center), Rebecca Masisak (CEO di Techsoup Global), Marco Zappalorto (Direttore Nesta Italia), Mario Calderini (Professore Ordinario PoliMi), Italo Rizzi (Direttore LVIA), Mario Molteni (Professore Ordinario Università Cattolica), Emilio Ciarlo (Rapporti Istituzionali e Comunicazione AICS), Piero Gastaldo (Segretario Generale Compagnia di San Paolo).

Quattro i grandi focus della discussione, che rappresentano gli elementi necessari per rendere la tecnologia, che sta cambiando i modelli economici e la vita di tutti, un modo sempre più efficace per le fondazioni di lavorare alla cooperazione per lo sviluppo: 

  • Fabbricazione digitale
  • Open Innovation
  • Small, big e open data for Good
  • Azioni trasversali di formazione e capacity building per le organizzazioni del terzo settore

A fine mattinata si è svolta poi la premiazione dei due vincitori del premio ICT for Social Good e ICT for Children. Un premio che ha visto la candidatura di 233 progetti innovativi da 57 paesi del mondo, nato per valorizzare progetti innovativi nati dal basso nei Paesi in via di sviluppo per rispondere ai bisogni sociali nei loro territori.

I due progetti vincitori hanno ricevuto un finanziamento per lo sviluppo delle loro iniziative innovative:

Henri Nyakarundi, che in Ruanda ha realizzato chioschi solari portatili che consentono a tutti di collegarsi a contenuti via internet o intranet e ricaricare il proprio device.  http://goo.gl/T9aiWF

Elizabeth Kperrun, cofondatrice di Lizzie's Creations, una startup che mira a preservare e a fare rivivere la cultura tradizionale africana grazie all'uso delle tecnologie digitali. https://youtu.be/tBxB5evB7eA

 

7 novembre – “Innovazione e Terzo Settore”

Protagonista della giornata del 7 novembre è stata TechSoup, che ha promosso un dialogo sul Terzo Settore nel contesto italiano, per esplorare le trasformazioni in atto e le nuove opportunità legate al digitale in un dialogo con i rappresentanti delle istituzioni, del Non Profit e delle aziende IT. 

La discussione è partita dalle innovazioni che interesseranno il non profit nel prossimo futuro grazie alla Riforma del Terzo Settore, evidenziate da Nicolò Melli, Consulente del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, e che mirano a favorire lo sviluppo di un settore che in Italia non è affatto marginale (oltre 6 milioni di volontari, 1 milione di addetti e 64 miliardi di euro di entrate annue):

Queste in sintesi le innovazioni previste dalla Riforma:

Incentivi alle donazioni:

  • Innalzamento dei limiti di detraibilità delle erogazioni liberali a favore di enti del terzo settore
  • Rimozione del limite massimo deducibile dal reddito complessivo delle imprese

Più capitali a disposizione:

  • Misure agevolate per chi investe nel capitale delle imprese sociali
  • Defiscalizzazione degli utili reinvestiti nell’impresa
  • Accesso a forme di raccolta di capitali di rischio tramite portali di equity crowdfunding

 Maggiori finanziamenti:

  • Social bond (titoli di solidarietà)
  • Social lending
  • Social bonus

Per beneficiare di tutti gli incentivi fiscali messi a disposizione della Riforma gli enti non profit dovranno registrarsi al Registro unico nazionale del Terzo Settore telematico, altra grande e fondamentale innovazione, che favorirà la trasparenza e l’accountability e permetterà l’utilizzo degli open data.

A seguire un focus su I luoghi dell’innovazione, guidato da Roberta Cocco, Assessore alla Trasformazione digitale del Comune di Milano e Carlo Mango, Consigliere di Cariplo Factory, che attraverso l’esperienza di Cariplo Factory hanno portato l’esempio di un’efficace collaborazione tra pubblico e privato, capace di trasformare l’approccio al lavoro e di anticipare le esigenze del mercato di domani.

Rebecca Masisak, CEO di TechSoup Global Network ha illustrato i cambiamenti e le evoluzioni del non profit digitale attraverso la storia e le esperienze di TechSoup, il primo network nel mondo dedicato alla donazione di tecnologia e allo sviluppo digitale del Non profit. 

La mattinata si è conclusa con due storie italiane di Non Profit digitali di successo: Fight the Stroke https://fightthestroke.org/e Fondazione Santa Rita da Cascia Onlus http://www.santaritadacascia.org/fondazione/.

Nel pomeriggio il tema della digital transformation e delle sue positive ricadute sull’impatto sociale delle organizzazioni, introdotto da Fabio Fraticelli, (Docente Università Politecnica delle Marche), è stato analizzato dal punto di vista di tre fra i maggiori players globali del mercato digitale, entrambi partner donatori del programma TechSoup: Microsoft, rappresentato agli Open Days dell’Innovazione da Paola Cavallaro, Marketing Operation Manager di Microsoft Italia, che ha spiegato l’impegno di Microsoft in favore della digitalizzazione del Non Profit, Google, per il quale è intervenuta Simona Panseri, Corporate Communications Manager di Google Italia, che contribuisce fortemente alla social innovation del non profit, e Amazon Web Services, le cui soluzioni di cloud computing, come ha spiegato Raffaele Resta, Business Development Public Sector di Amazon Web Services Italia, sono la tecnologia abilitante per trovare soluzioni che permettono al non profit di aumentare il suo impatto.

 

TechSoup Award, il primo premio al fundsaving 

A conclusione della giornata TechSoup Italia ha premiato i tre vincitori della della prima edizione dei TechSoup Awards, il primo premio italiano di “fundsaving”, dedicato all’organizzazione non profit che ha saputo digitalizzarsi sfruttando la possibilità di ottenere prodotti in donazione o a basso costo.

Il terzo premio è stato assegnato a Fondazione Gimbe, che opera nella ricerca sanitaria, e che dal 2013 si avvale del programma TechSoup per utilizzare il programma Google AdGrants, Office365 e licenze Office.

Il secondo premio alla Cooperativa Servizi Domiciliari Integrati scs, che si occupa di assistenza domiciliare, e dal 2011 ha introdotto delle novità tecnologiche grazie a TechSoup, che permettono di organizzare al meglio l’attività dei loro operatori.

Il primo premio è andato all’Associazione Comunità Il Gabbiano onlus, che dal 1983 assiste persone fragili e che grazie a TechSoup utilizza dal 2014 tecnologia cloud con Office365 e usa strumenti all’avanguardia per lavorare meglio e in sicurezza.

Vuoi rivedere i video delle due giornate?

Vai su www.opendaysinnovazione.it

 

Licensing provided by Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 4.0 International License.